IN PRIMO PIANO

ARRIVEDERCI!

Tra qualche giorno, il 22 marzo, si conclude la mia attività parlamentare e con essa termina anche l’invio dell’abituale newsletter con il resoconto del lavoro svolto e delle scelte compiute, gli articoli che ho scritto e le opinioni che ho sostenuto.

Continuerò, ovviamente, a battermi per le mie idee, ma il mio impegno politico e culturale continuerà in forme e sedi diverse.

Tutto il materiale pubblicato (gli interventi svolti in Parlamento o in altre sedi pubbliche, i disegni di legge, gli articoli, le interviste, i commenti, ecc.) resta disponibile su questo sito.

Leggi Tutto
IN PRIMO PIANO

“Gorizia anno zero, un’idea per il nostro futuro” – Scuola di Formazione politica Ettore Romoli, Hotel Internazionale di Gorizia, 18 settembre 2021

La Scuola di Formazione politica Ettore Romoli ha organizzato una maratona in streaming per parlare del futuro di Gorizia che
che si è svolto lo scorso 18 settembre dalle 9 alle 19 all’Hotel Internazionale. Di seguito, il testo del mio intervento sul tema “Gorizia anno zero, un’idea per il nostro futuro”.


Leggi Tutto
GIORNALI2021 IN PRIMO PIANO

«Abbiamo incontrato il nemico… e siamo noi» – Il Riformista, 13 settembre 2021

Non sono la guerra nucleare o il terrorismo le più grandi minacce per la democrazia americana, scrive Tom Nichols, ma il narcisismo e il nichilismo della gente comune. Insomma, se siamo demoralizzati, preoccupati, o addirittura indignati per lo stato sempre più terribile della nostra democrazia, sgombriamo il campo dai dubbi: il nostro peggior nemico, come dice Nichols, siamo noi.

Leggi Tutto
GIORNALI2021 IN PRIMO PIANO

Salvare la democrazia. Lezioni americane – Il Foglio, 13 settembre 2021

Dallo “stile paranoide in politica” teorizzato da Richard Hofstadter, ed echeggiato spesso negli ultimi tempi, al “centro vitale” di Arthur Schlesinger Jr. Derive illiberali, populismo ed élite: due libri che parlano anche all’Italia di oggi

Leggi Tutto
GIORNALI2021 IN PRIMO PIANO

Il reset della politica estera. Il ritiro dall’Afghanistan creerà parecchi problemi ai nemici dell’America – Linkiesta, 9 settembre 2011

Oggi gli Stati Uniti non hanno più la scala, la forza e neppure il consenso interno per reggere il mondo sulle spalle. Biden cerca di riordinare le forze e focalizzarle sulle sfide geopolitiche decisive, in particolare la Cina

Leggi Tutto
GIORNALI2021 IN PRIMO PIANO

Quella telefonata tra Carter e Trump sulla Cina che spiega (anche) la scelta di Biden – Il Riformista, 30 agosto 2021

Da vent’anni a questa parte, prima o poi, tutti i presidenti americani hanno annunciato che era venuto il momento di andarsene dall’Afghanistan per dedicarsi al «nation building» in patria. Joe Biden lo ha fatto davvero. E una telefonata di qualche tempo fa spiega quel che sta accadendo meglio di mille articoli. L’ha raccontata Emma Hurt su WABE, una stazione radio di Atlanta affiliata a NPR, il 14 aprile 2019 e la riporta anche Giulia Pompili nel suo «Sotto lo stesso cielo», il bel libro che ha dedicato all’«altra» Asia, ovvero a quella che Cina non è e a cui la Cina è legata in modo indissolubile («Non esiste Pechino senza Taipei, non esiste Pechino senza Seul, ma soprattutto non esiste Pechino senza Tokyo», spiega Pompili).

Leggi Tutto
GIORNALI2021 IN PRIMO PIANO

«Come facciamo a perdere se siamo così sinceri?» – Il Riformista, 17 agosto 2021

L’Afghanistan è di nuovo sotto il giogo dei talebani e l’odissea ventennale dell’America termina con una fuga precipitosa.

Racconta Samantha Power nel suo memoir, The Education of an Idealist, che quand’era un giovane funzionario del ministero degli esteri in Vietnam, Richard Holbrooke (uno dei più dotati diplomatici americani) aveva ritagliato una vignetta che mostrava un affranto Charlie Brown dopo che la sua squadra di baseball era stata sonoramente battuta per 184 a 0. «Non capisco», dice Charlie Brown. «Come facciamo a perdere se siamo così sinceri?».

Leggi Tutto
GIORNALI2021 IN PRIMO PIANO

Biden tira dritto dove Trump e Obama hanno mollato: infrastrutture e Afghanistan – Il Riformista, 13 Agosto 2021

Sono passati vent’anni e Joe Biden si è convinto che se gli Stati Uniti non se ne vanno ora dall’Afghanistan non se ne andranno mai più, perché il momento giusto per andarsene non verrà mai. L’ho raccontato nei mesi scorsi proprio su questo blog. Ora gli americani sono accusati di abbandonare l’Afghanistan nelle mani dei talebani, ma sono stati sul banco degli accusati anche quando hanno invaso il paese per rimuovere dal potere i talebani che avevano ospitato e protetto Osama Bin Laden nel suo progetto di guerra santa. Le cose sono andate come sono andate, ma gli obiettivi dell’operazione sono stati raggiunti: annientare le capacità operative di al Qaeda e consegnare Osama bin Laden «alle porte dell’inferno». E ancora una volta, da quelle parti, il «nation building» si è rivelato un’impresa che va al di là delle possibilità degli Stati Uniti (e di chiunque altro).

Leggi Tutto
GIORNALI2021 IN PRIMO PIANO

Missione compiuta? – ilcaffeonline, 11 agosto 2021

Il 14 settembre 2001, tre giorni dopo l’attentato dell’11 settembre, dal pulpito della cattedrale di San Pietro e Paolo di Washington, il presidente degli Stati Uniti George W. Bush, annunciò la «guerra al terrorismo» con queste parole:

Leggi Tutto
GIORNALI2021 IN PRIMO PIANO

«Se hai la situazione sotto controllo, non dai la caccia agli atleti per i loro commenti su Instagram» – Il Riformista, 5 agosto 2021

Krystsina Tsimanouskaya è arrivata a Varsavia.

La sprinter bielorussa non ha potuto correre la sua corsa alle Olimpiadi ma, dopo aver rifiutato il rimpatrio forzato per aver criticato apertamente la Federazione di atletica leggera del suo paese, è diventata un campione della democrazia. In futuro, potrebbe tornare in pista in Polonia, che ha concesso un visto umanitario all’atleta e a suo marito, anch’egli fuggito dalla Bielorussia.

Leggi Tutto
GIORNALI2021 IN PRIMO PIANO

Contro los redentores – I problemi cronici del Pd e il doppio peronismo di Conte e Di Maio – Linkiesta, 29 luglio 2021

Il Partito democratico non può diventare una sinistra moderna perché la sua gestione non è davvero contendibile, la minoranza liberal-democratica può avere solo un ruolo ancillare, di condizionamento, ma non può guidarlo. Le primarie a New York insegnano che per vincere bisogna andare al centro della società. Come mai il nostro Paese è ostaggio dei peronisti millenaristi? Questo è il problema.

Leggi Tutto
1 2 3 56