GIORNALI2014

Gazebos, 9 aprile 2014 – Il Senato di cui abbiamo bisogno

Tutte le volte che viene posto all’ordine del giorno il tema della riforma costituzionale (in modo da dare ai governi italiani quella stessa forza istituzionale che hanno i governi in tutte le altre democrazie europee), il «partito» dei sacerdoti della Carta torna a parlare di svolta autoritaria o tira fuori la P2.

Eppure la nostra Repubblica non è più quella di prima; è già cambiata e oggi risulta incompiuta, a metà. È da un pezzo che, ad esempio, la premiership è diventata la vera e fondamentale posta in gioco e non sarebbe male rammentare che con la legge costituzionale n°3 del 18 ottobre 2001 è stato completamente riformato il Capo V, parte seconda della Costituzione italiana, recante norme sulle Regioni, le Province e i Comuni. C’è chi la ritiene «la più sciagurata riforma della Costituzione mai realizzata», ma, comunque la si consideri, la riforma del  Titolo V voluta dal centrosinistra, al termine della legislatura, sotto il secondo governo di Giuliano Amato, e confermata dal voto popolare del referendum del 7 ottobre 2001, ha rivoluzionato i rapporti tra gli enti costitutivi della Repubblica e tra lo Stato, le Regioni e l’Unione europea.

Che il Titolo V presenti seri difetti di funzionamento è ormai opinione condivisa. A cominciare dall’eccessiva fede riposta nel riparto per materie. La linea di confine tra materie è incerta per definizione: emergeranno materie sempre nuove e sempre nuovi saranno gli intrecci tra l’una e l’altra di esse;  il che, di per se, non è un male, dato che gli ordinamenti federali moderni propendono per un riparto flessibile delle competenze, per «un sottile gioco di interferenze». Questa mobilità si trasforma in un problema molto difficile da risolvere quando mancano gli strumenti del coordinamento: in particolare, quando manca un ramo del Parlamento che possa assumere un ruolo di mediazione e di assorbimento dei conflitti tra Stato e autonomie.

La mancanza del luogo parlamentare di mediazione è, dunque, il vero punto critico della riforma. In carenza di una stanza di compensazione istituzionale degli interessi, l’incertezza genera numerosissimi conflitti che sono devoluti alla Corte costituzionale, la quale si ritrova costretta a dirimere questioni che hanno un considerevole tasso di opinabilità interpretativa e di politicità. Il che non favorisce la fisiologica composizione degli interessi, ma incoraggia l’emersione del conflitto e la giurisdizionalizzaione dei rapporti tra interessi centrali e interessi del territorio. Insomma, non disponendo il Parlamento degli strumenti necessari, il luogo nel quale si sono sciolti i primi nodi si è spostato presso la Corte Costituzionale. E questa metamorfosi della politica in contenzioso giuridico ha imposto alla Corte, come ha sottolineato il suo Presidente, «un ruolo di supplenza non richiesto e non gradito».

Dunque, il mantenimento dell’attuale bicameralismo disfunzionale non è sostenibile. Vogliamo mantenere l’impianto del Titolo V?  Bene, allora bisogna fare una Camera «federale». Come? Il modello più sensato è quello del federalismo tedesco, nel quale la seconda camera, il Bundesrat, non è elettiva ma è formata da rappresentanti dei governi regionali. La Legge Fondamentale precisa infatti che tanto i partiti (attraverso i loro Parlamentari al Bundestag) quanto i Länder (grazie ai componenti degli Esecutivi regionali) collaborano («mitwirken») alla realizzazione della politica tedesca a livello federale. La funzione che deve rivestire il Senato in un assetto propriamente federale è chiara: non solo «Camera di riflessione» rispetto alle deliberazioni assunte nel primo ramo del Parlamento, ma, soprattutto, luogo di rappresentanza, nel processo decisionale della Federazione, degli enti territoriali («Stati» o «Regioni») che la compongono. Non è un caso, infatti, che in Germania la seconda Camera non sia organizzata in Gruppi parlamentari come il Bundestag, e che di norma nelle sue commissioni prevalgano gli orientamenti più propriamente tecnici su quelli partitici. Dunque, se vogliamo mantenere un assetto «federale» (e vogliamo finalmente farlo funzionare), dobbiamo fare il Bundesrat o qualcosa che gli somigli molto. Infatti, «per mezzo del Bundesrat», come recita la  Legge fondamentale tedesca, «i Länder concorrono alla legislazione e all’amministrazione della Federazione ed agli affari dell’Unione Europea».

Abbiamo cambiato idea? Non c’è modo di far funzionare le Regioni? Non le vogliamo più? Allora facciamo un’unica Camera e riportiamo le competenze in capo allo Stato. Insomma, ha ragione Renzi: se vogliamo dare un ruolo effettivo ad una seconda Camera che non dispone più del voto di fiducia, la soluzione migliore è quella che assegna al nuovo Senato un ruolo circoscritto ma incisivo nel procedimento legislativo, sulla base di una esigenza reale di completamento della riforma del Titolo V. Ma, anche qui, ai sacerdoti della Carta andrebbe rivolta una domanda: si vuole aggiustare e rivedere quella riforma, com’è necessario e urgente, o si ritiene invece che la riforma del Titolo V vada  azzerata (obiettivo arduo e irrealistico, oltre che poco condivisibile) per ritornare allo status quo ante?

You may also like
Il Piccolo, 23 gennaio 2014 – Maran sbatte la porta: «Il Pd ci ridicolizza»
Il Piccolo, 27 novembre 2014 – Maran: «Questa è giustizia negata»
Il Piccolo, 2 novembre 2014 – «Vanno respinti i profughi già bocciati in altri Paesi Ue»