IN PRIMO PIANO

Governabilità? Ma mi faccia il piacere!, direbbe Totò…

Come ha osservato il prof. Carlo Fusaro (rimando alle sue analisi) la legge elettorale che ha superato il primo scoglio alla Camera (e che ora passa all’esame del Senato) “non darà governabilità (non può proprio), ma migliora non di poco le formule elettorali lasciateci dalla Corte costituzionale dopo i suoi improvvidi interventi” (Carlo Fusaro profili | Facebook).

Infatti, come si è “detto e ridetto”, un sostegno davvero efficace alla governabilità e l’investitura diretta di leader, e programma governo ce li siamo giocati col referendum e gli interventi della Corte costituzionale.

Il bello è che coloro che oggi denunciano l’ingovernabilità e l’instabilità, sono gli stessi, ma proprio gli stessi, che hanno scelto di sabotare ogni tentativo messo in campo dalle forze politiche per cambiare la Costituzione e, come scrive oggi Claudio Cerasa, “promuovere un sistema capace di mettere il paese al riparo dalla presenza di maggioranze instabili e da coalizioni non naturali (l’ultima volta, se non ricordiamo male, fu il 4 dicembre). Ma gli stessi opinionisti che hanno speso una vita a spiegare il rischio di mettere il paese nelle mani di un uomo solo al comando oggi sono lì a spiegarci molto tormentati che senza una riforma che permetta a qualcuno di governare si rischia la non governabilità (tu pensa) e si rischia lo sfascio (ma dai)” (Il vero inciucio è l’Italia del veto – Il Foglio).

Intanto è arrivato in aula il ddl sul Whistleblowing di cui sono relatore. Il provvedimento chiede ad aziende e amministrazioni di istituire un organo-filtro capace di raccogliere attraverso un canale riservato le segnalazioni di possibili malversazioni e di distinguerle da delazioni diffamatorie; e definisce meglio i confini del segreto professionale, d’ufficio e aziendale. Sono on line sul sito di Pietro Ichino gli interventi dei senatori Malan e Ichino sulla pregiudiziale di incostituzionalità del disegno di legge (la questione pregiudiziale posta dal sen. Malan e i due miei  interventi in Aula).

You may also like
Si può fare ora una legge maggioritaria come si deve?
All’assemblea annuale di Libertàeguale – Orvieto, 2 – 3 dicembre 2017.
Toh, chi si rivede: la Germania e il Giappone! – Il Riformista, 29 luglio 2020