IN PRIMO PIANO

LEZIONI D’INGLESE

10 maggio 2015

England

Dall’Inghilterra (patria del governo parlamentare, dove il capo dello stato ha un valore simbolico, dove non esiste una Corte costituzionale, dove non ci sono referendum abrogativi, dove i magistrati sono funzionari del governo, dove la Camera dei Lords non è, ovviamente, elettiva, dove la democrazia funziona come funziona perché l’opposizione ragiona e si muove con la logica che oggi non si governa ma domani forse sì) vengono almeno due lezioni che non sarebbe male mandare a memoria.

Tony Blair, l’ex premier laburista che ha guidato il partito in tre vittorie consecutive, lo aveva detto sei mesi fa:«Questa elezione sarà una di quelle in cui una sinistra tradizionale si scontra con una destra tradizionale, e il risultato sarà quello tradizionale». Che cosa voleva dire Blair? Che vinceranno i conservatori perché la sinistra che rifiuta di uscire dai suoi vecchi schemi non ce la può fare. Oggi Tony Blair è tornato sul punto: il Labour può tornare a vincere solo se sarà in grado di occupare di nuovo il centro della politica inglese (Blair tells Labour: return to the centre ground to win again; Blair: Labour must reclaim the centre). E anche Peter Mandelson, ora che è in corso «a battle for the soul of the Labour party», non le ha mandate a dire:«Labour has an “incredibly unhealthy” dependence on the trade unions» (Mandelson’s brutal assessment of Miliband; Miliband made ‘terrible mistake’ in ditching New Labour, says Mandelson).

Ma c’è un altro aspetto che merita di essere sottolineato. L’Ukip (grazie anche al sistema elettorale più semplice e più longevo che ci sia) ha conquistato solo un seggio al Parlamento, e lo stesso Farage è rimasto fuori da Westminster, sconfitto nel suo collegio dallo sfidante conservatore. Ne ha parlato al Foglio Umberto Bossi: «Sono stati puniti quelli che sono semplicemente ‘contro’, che non governano, che non incidono, quelli come Farage. Ed è possibile un reflusso della marea eurofobica in tutto il continente. L’Europa è furba, comincia a sganciare del grano. E così tutta quella roba, quella schiuma, rischia di afflosciarsi, se non riesce a farsi governo ma rimane semplice protesta» (Bossi al Foglio: “Le elezioni inglesi? E’ finita l’epoca degli urlatori”). Chissà che non abbia ragione lui.
You may also like
La lezione della Georgia: «L’infrastruttura politica» conta e contano il lavoro di lungo periodo e la coerenza – Il Riformista, 25 gennaio 2021
Il vecchio mondo non tornerà. Neppure con Biden alla Casa Bianca – Il Riformista, 27 ottobre 2020
Terrorismo: un problema da risolvere uniti – italiaincammino.it, 24 marzo 2017