IN PRIMO PIANO

Senza se e senza ma

Scrive oggi Giuliano Ferrara: “…se la campagna elettorale italiana è un urlo nel buio affacciato sul vuoto, alle origini c’è la sindrome da paura dell’immigrazione, l’invasione dei poveracci e dei rifugiati, il grande rimpiazzo etnico, la bomba sociale. Dunque un problema esiste. L’immigrazione va controllata, limitata, integrata senza piagnistei e con la presa d’atto di una crisi migratoria di portata biblica e di una rinuncia a politiche nataliste nel nostro mondo, che avrà se non sanata conseguenze disastrose. Va affrontata nel lungo periodo con politiche impegnative di riassetto delle relazioni internazionali e di egemonia economica, politica e militare dei criteri di libertà e di eguaglianza che sono parte del patrimonio politico del mondo occidentale. Però dopo l’esplosione in un gesto omicida del risentimento razzista di Macerata bisogna essere decisamente negazionisti verso l’ideologia dell’odio razziale. Non c’è bisogno di retorica. La caccia armata ai neri è solo e soltanto ributtante, senza se e senza ma. Deve essere repressa con energia” (Senza se e senza ma – Il Foglio).

 

You may also like
Populismo a stelle e strisce. Trump e Sanders, specchi dell’angoscia americana – Strade – Il Magazine, 18 Maggio 2016
Afghanistan: «Ci mandereste vostro figlio o vostra figlia?» – Il Riformista, 13 luglio 2021
Iran: gli Stati Uniti non possono andare e venire come pare a loro – ilcaffeonline, 13 febbraio 2021