GIORNALI2016 IN PRIMO PIANO

Il Piccolo, 12 gennaio 2016 – Tribunale ingestibile? Uniamoci a Trieste

La proposta del senatore Maran: «Non mi manda il Pd, dobbiamo solo pensare a un servizio che funzioni meglio»

di Francesco Fain

La strategia per salvare e potenziare il Tribunale di Gorizia? Unirsi a Trieste e mettere insieme due dei Palazzi di giustizia più piccoli d’Italia. «È una bestemmia? Il servizio giustizia (e dunque gli interessi della gente) ne guadagnerebbe». A formulare la proposta-choc è il senatore Alessandro Maran al culmine di un lungo e articolato ragionamento. È consapevole che «si leveranno lamenti e grida per la spoliazione ulteriore del capoluogo. Ma cosa vogliamo? Vogliamo mantenere il simulacro di un servizio che non funziona (e che così non può funzionare), o vogliamo fare in modo che il servizio giustizia funzioni meglio?» Maran specifica la sua è solo un’opinione personale. «Anche perché – aggiunge – sul punto la posizione del Pd (e delle altre forze politiche) varia a seconda del territorio interessato».

Il senatore afferma che il tribunale di Gorizia, in ogni caso, non corre il rischio di chiusura. «Com’è stato chiarito molte volte, da ultimo dalla senatrice Fasiolo, nessuno lo vuole chiudere. Semmai, il problema resta un altro: così com’è combinato, il Tribunale non funziona come dovrebbe. Perché? Perché è troppo piccolo, troppo periferico e non ci vuole venire nessuno. E non bastano neppure gli incentivi che hanno garantito ai magistrati, in quanto sede disagiata, uno stipendio maggiorato. Dunque, il problema è che il Tribunale deve “diventare più grande”». Non a caso c’era e c’è la proposta di allargamento a Palmanova e alla Bassa Friulana, «ma questo progetto – aggiunge il senatore – si scontra con l’avversione di tutti i soggetti istituzionali interessati, dal sindaco di Palmanova all’Ordine degli avvocati di Udine, dalla provincia di Udine alla Regione. Nessuno da quelle parti vuole venire con noi. E come si è visto, senza il consenso degli interessati, il Governo (delegato a rivedere la geografia giudiziaria) non muoverà un dito. Messe così le cose, l’allargamento a Palmanova è probabile che coincida con l’arrivo di… Godot». Ecco allora la proposta: andiamo con Trieste. «La distanza tra Trieste e Monfalcone è più o meno la stessa di quella che c’è tra Monfalcone e Gorizia. Se quel che ci sta a cuore è la giustizia intesa come servizio, converrebbe ragionarci su. Se quel che più conta invece è il rango della città, allora il problema è un altro. Resto dell’opinione che Gorizia debba fronteggiare ben altre sfide (a cominciare dal crollo demografico e dalla drammatica incapacità di attrarre capitali e investimenti privati: tutte cose che la ricerca recente dell’Ires ha illustrato e sulle quali sono tornato non molto tempo fa). E resto dell’opinione che la nostra piccola regione sia un “unico spazio metropolitano”, cioè un unico bacino di domanda e offerta per tutta una serie di servizi (università, ricerca, sanità, terziario avanzato). Proprio perché sono attaccato alla mia terra (anche se siedo in Parlamento per rappresentare delle idee e non una porzione di territorio: com’è noto, sono stato eletto, in quanto capolista, nella circoscrizione del Senato del Friuli Venezia Giulia), ritengo sia il caso di rifletterci su. Va da sè che se i colleghi che sono stati scelti in rappresentanza dell’Isontino e le istituzioni territoriali hanno un’idea migliore, sarò lieto di sostenerla e di battermi insieme a loro».

You may also like
Formiche.net, 4 gennaio 2016 – Che cosa accomuna l’Isis al comunismo
Alla presentazione del libro di Xi Jinping
Howdy Joe! – ilcaffeonline, 8 novembre 2020