IN PRIMO PIANO

La sfida tra europeisti e sovranisti del prossimo 4 marzo

“Che relazione c’è tra le elezioni italiane del prossimo 4 marzo e l’accordo franco-tedesco che verrà celebrato il prossimo 22 gennaio in occasione del 55esimo anniversario del Trattato dell’Eliseo? Nessuna, secondo l’opinione della maggioranza degli osservatori e dei politici italiani (…) Eppure, tra le nostre elezioni e l’accordo franco-tedesco, la relazione c’è ed è strettissima. Una relazione da cui dipende il futuro dell’Italia”. In parole povere, se la coalizione “indipendentista” avrà la maggioranza, questo significherà allora l’inevitabile auto-esclusione dell’Italia dal progetto (oggi perseguito con determinazione da Francia e Germania) di rafforzare e democratizzare l’Eurozona. Lo ha spiegato Sergio Fabbrini sul Sole 24 Ore:  (Il 4 marzo la grande sfida tra europeisti e sovranisti – Il Sole 24 ORE).

You may also like
L’Italia ha bisogno di un centro e dentro il Pd non c’è futuro – Il Foglio, 30 marzo 2021
Per neutralizzare la paura della globalizzazione bisogna occuparsi dei losers
Sì, l’America è tornata. Ma non come prima – Il Riformista, 8 febbraio 2020